Rimedi naturali - Emorroidi Come Curarle Come Si Curano le Emorroidi Esterne Metodi e Rimedi Naturali (Parte 2)

Posted on

it, i fattori scatenanti delle emorroidi possono essere molteplici: da un’alimentazione scorretta a problemi a livello della circolazione, dallo stress, al fumo, agli sbalzi ormonali.

L’estratto di ippocastano viene venduto in diverse forme, comprese pomate da applicare sulla zona interessata per un’azione immediata. Come abbiamo visto vi sono numerosi rimedi naturali per la cura delle ragadi ed emorroidi. Anche il Cipresso (Cupressus) viene utilizzato genericamente per il trattamento delle emorroidi, delle varici e delle gambe pesanti. Un’altra pomata omeopatica è quella a base di Aesculus Compose, esiste anche la versione in supposte, da applicare localmente almeno 2 volte al giorno. Può essere assunto anche per via orale nella dose di 10 gocce tre volte al giorno. Nel  19° secolo Artault di Vevey scrisse: “La loro tintura calma il dolore e riduce i noduli delle emorroidi più rapidamente di qualsiasi altro trattamento”. La tintura madre dell’ippocastano ritrova svariati possibili utilizzi per le sue incredibili capacità. Indicativamente, per il trattamento dei suddetti disturbi, si consiglia l’assunzione di una quantità di estratto secco di ippocastano corrispondente a circa 40-120 mg di escina al giorno. Altri impieghi non approvati delle foglie di questa pianta, riguardano il loro utilizzo per contrastare disturbi quali emorroidi, flebiti, vene varicose e dolori mestruali.

Come si distinguono le emorroidi? Quali sono le cause e i sintomi delle emorroidi? E la cura? Scopriamolo in questo articolo.

  • Cosa e quali sono?
  • I rimedi della nonna
  • Fitoterapia
  • I rimedi omeopatici
  • Alimentazione
  • Approfondimenti

L’ippocastano viene sfruttato anche dalla medicina omeopatica, dove lo si può trovare sotto forma di gocce orali, granuli e macerato glicerico.

In quest’ambito, la pianta trova impiego come rimedio in caso di emorroidi, dolore nella zona sacro-iliaca, lombalgie, vene varicose e ulcere venose. Si possono effettuare anche applicazioni locali con Aesculus pomata per le emorroidi e Aesculus crema o Hamamelis crema per le varici, da effettuare 3 – 4 volte al dì. □      Nei casi 3) e 4) la dose è 6CH, 3 granuli o 5 gocce ogni 3 h, o anche più frequentemente nei casi acuti. E’ utile nella terapia delle VARICI venose, delle EMORROIDI, della insufficienza venosa, e nelle flebiti, e’ antinfiammatoria e antiedemigena. La tintura madre di ippocastano è particolarmente indicata per tonificare e proteggere i vasi sanguigni; in caso di flebiti ed emorroidi, inoltre, svolge un’azione vasocostrittrice e spasmolitica. La tintura madre può essere assunta tre volte al giorno, diluendone 15-20 gocce in acqua. Un’alternativa semplice e pratica è costituita dalle capsule di estratto secco di ippocastano: 1-2 al giorno offrono gli stessi risultati di semi e tintura. Per curare le emorroidi in modo naturale, si può usare anche il bicarbonato. E’ utilizzato per trattare le varici, contusioni,fragilità capillari,strappi e stiramenti.E’ particolarmente efficace come rinfrescante della mucosa anale nel trattamento delle emorroidi.

Emorroidi Come Curarle Come Si Curano le Emorroidi Esterne Metodi e Rimedi Naturali

  • Avenoc® omeopatico
  • Centeril H® Crema
  • Emortrofine® Crema
  • Fitoroid® Bipomata
  • Pomata e Emorroid Sollievo
  • Turnover® Recto
  • Hemoclin®
  • Preparazione H®

Secondo la tradizione erboristica questo estratto ha un’azione: Le indicazioni salutistiche sono: Al suo interno abbiamo la presenza degli estratti naturali freschi di Altea, Cipresso ed Ippocastano.

Si utilizza sotto forma di pomata, ad una concentrazione di principi attivi del 5-10%, oppure come tintura madre (20 gocce due volte al giorno). Arnica: da usare alla concentrazione di 5 CH e con una posologia di 5 granuli ogni ora, questa pianta è indicata per il trattamento del dolore associato alle emorroidi. Caratteristiche Gli estratti di Ippocastano, Rusco e la Troxerutina, bioflavonoide estratto dalla rutina, 8,08 € + Sped. 12,05 € Disponibilità Ordine minimo 19,90 eur - Gemmosol 3 Ippocastano Modalità d’uso Si consiglia l’assunzione di 40 gocce, 3 volte al giorno, diluite in un po’ d’acqua. Si può assumere sotto forma di tintura madre o di unguento. Nel primo caso, bisogna assumerne 15 gocce, unite ad altrettante gocce di tintura madre di Pungitopo, tre volte al giorno, per cicli di due mesi. Cellulite La tintura madre dell’ippocastano è indicata anche per il trattamento della cellulite già formata: 20 gocce, da assumere due volte al giorno per un mese. In questo caso, la dose consigliata è di 40 gocce una volta al giorno. In questo caso è possibile realizzare un preparato mescolando due gocce di White Chestnut in un contenitore d’acqua minerale naturale da 30 ml.

“Ho iniziato il tuo programma e i risultati sono stati come minimo starordinari. Le mie Emorroidi sono diminuite ad un livello così basso che sono del tutto gestibili.”

  • Gonfiori
  • Pesantezza
  • Fragilità capillare
  • Emorroidi
  • Cellulite

Come combattere, prevenire e quali sono i rimedi e cure naturali contro le emorroidi?

Pomata o tintura madre di Rusco (Ruscus aculeatus) detto anche pungitopo per favorire la diuresi e rafforza re i capillari sanguigni. Occorrente: 45 gocce di tintura madre di ippocastano Il rimedio più veloce consiste nell’utilizzare la tintura madre di ippocastano. Mettiamo 45 gocce di tintura madre in un bicchiere e beviamo. 13,90 € Disponibilità Crema pomata ad alta concentrazione di sostanze funzionali vegetali dona un’immediata sensazione di sollievo a gambe e caviglie.Formato:tubo da 75 ml Trusted 11,20 € + Sped. In caso di Diarrea Assumere 30-40 gocce di tintura madre da assumere in poca acqua 3 volte al giorno per cicli di 2 mesi, seguito da un mese di pausa. In caso di Cellulite accompagnata da fragilità capillare: Assumere 30 gocce di tintura madre 3 volte al giorno per 2 mesi. Gambe gonfie e pesanti Unire 20 gocce di tintura madre di Ippocastano a 20 gocce di tintura madre di amamelide per 3 volte al giorno per cicli di 2 mesi. Tintura Madre Prendere 100 grammi di semi (o castagne d’India), schiacciarli e porli in 1 litro di alcool a 60°.

Ippocastano in semi, tintura, capsule o pomata

L’azione del gemmoderivato di ippocastano per le emorroidi è quindi principalmente drenante del flusso ematico, utile in presenza di congestione venosa come nel caso delle emorroidi.

Formulazione in gel a base di estratto di arnica montana al 30% con amamelide e ippocastano, principi naturali particolarmente 5,73 € + Sped. Formulazione in gel a base di estratto di arnica montana al 30% con amamelide e ippocastano, principi naturali particolarmente utili per 6,61 € + Sped. Formulazione in gel a base di estratto di arnica montana al 30% con amamelide e ippocastano, principi naturali particolarmente utili per Feedaty 6,62 € + Sped. Formulazione in gel a base di estratto di arnica montana al 30% con amamelide e ippocastano, principi naturali particolarmente utili 6,99 € + Sped. Formulazione in gel a base di estratto di arnica montana al 30% con amamelide e ippocastano, principi naturali particolarmente utili per 7,43 € + Sped. I rimedi naturali per le emorroidi sono infatti molti e sono stati usati fin dall’antichità per alleviare il dolore ed i sintomi associati alle emorroidi. L’estratto di una pianta chiamata Hamamelis virginiana, noto anche come amamelide, allevia il dolore, il prurito, il gonfiore e riduce anche il sanguinamento associato alle emorroidi. Non devono assumere ippocastano le persone con allergia a piante della famiglia dell’ippocastano, chi ha disturbi emorragici di ogni causa (anche emorroidi sanguinanti), o persone che assumono anticoagulanti. A fine bagno, potete anche eseguire un massaggio con 30 gocce di macerato glicerico, sempre di ippocastano. Etichetta: Estratto oleoso (30%), Olio d’oliva, Ippocastano, Amamelide, Cera d’api Quando si ha un problema di salute o fisico c’è sempre a disposizione un rimedio naturale.